La nuova mailbox made in Facebook


Facebook MailOggi ho attivato il nuovo centro messaggi di Facebook che comprende anche l’attivazione della casella di posta mionome@facebook.com.

Con questa evoluzione del centro messaggi, Facebook si affaccia sul mercato delle web mail con qualche centinaio di milioni di utenti attivi.

Il nuovo centro messaggi oltre a gestire la messaggistica interna del sistema adesso aggrega anche le conversazioni via chat, i messaggi e-mail inviati agli indirizzi @facebook.com e ha integrato la possibilità di gestire questi messaggi anche via sms.

Sicuramente tutto questo rappresenta una evoluzione, una nuova visione di come gestire le proprie comunicazioni private da un unico spazio.

Cosa cambia per chi fa e-mail marketing?

L’introduzione di questa nuova casella di posta elettronica porta con se anche delle novità per chi fa e-mail marketing.
In particolare è rilevante notare come adesso sia possibile raggiungere tramite e-mail anche quella fetta di utenza che non utilizza l’email a favore dei social network ed in particolare di Facebook. Sto parlando della fetta più giovane della popolazione internet, i nativi digitali, che vivono e si confrontano nei social scambiandosi informazioni e opinioni.

Ma è possibile anche raggiungere tutta quella fetta di utenti internet che si sono avvicinati alla rete grazie a Facebook. Una fetta di utenza che probabilmente non è avvezza all’utilizzo della posta elettronica e che oggi dispone di un nuovo strumento con cui comunicare.

Inoltre questa innovazione forse viene a porre fine alle teorie che da qualche anno a questa parte predicavano la morte dell’e-mail a favore dei social. In realtà i due strumenti sono complementari e possono convivere, come ci sta dimostrando Facebook.

Cambia il target, cambia il linguaggio e il modo di comunicare

Le persone che vivono su Facebook hanno un modo di comunicare che è tipico dei social network. Questo significa che se vogliamo inviare e-mail a questi utenti dobbiamo rivedere lo stile delle nostre comunicazioni.

A prima vista opterei per:

  1. Usare un linguaggio easy e informale;
  2. Inviare comunicazioni essenziali e dirette;
  3. Inviare messaggi che possano incuriosire e scatenare un effetto virale (siamo in un ambiente social, perché non approfittarne?);
  4. Sollecitare risposte ai messaggi nel mio profilo o nella mia pagina;
  5. Creare campagne specifiche per promuovere il mio profilo o la mia pagina.

Qualche consiglio dopo una prima analisi

La nuova casella di posta di Facebook non è una vera e propria web mail come quelle di Live, Yahoo o Gmail. Le funzionalità che offre sono limitate (le hanno analizzate molto bene sul blog di Mailup) e questo significa che se vogliamo fare e-mail marketing su questi utenti dobbiamo utilizzare alcuni accorgimenti:

  1. Creare una lista separata di utenti con casella @facebook.com da gestire separatamente dagli altri nostri contatti
  2. Inviare messaggi in formato testo, perché l’html non viene visualizzato se non cliccando sull’apposito tasto “espandi”. Le due immagini qui di seguito evidenziano come viene renderizzato il codice HTML e come è possibile vederlo.

    HTML disabilitato

    HTML abilitato
  3. Se si dispone di un account Facebook, utilizzare come e-mail mittente l’email con cui si è registrati a Facebook. In questo modo il messaggio, se spedito a nostri amici, viene recapitato direttamente tra i messaggi e non nella cartella “Altri” dove finiscono tutti i messaggi che arrivano da utenti non amici. Inoltre questi messaggi hanno i link attivi al contrario dei messaggi che arrivano nella cartella “altri”.

    Visualizzazione e-mail proveniente da un amico Facebook
  4. Sul dominio mittente impostare le autenticazioni SPF e DKMI. Con l’impostazione delle autenticazioni è assai probabile che l’icona di alert di fianco al nome dell’utente sparisca. Su questo sto facendo delle verifiche è vi aggiornerò nei prossimi giorni Dopo verifiche più accurate confermo che l’autenticazione SPF è necessaria per eliminare l’alert in fianco al nome utente. L’immagine seguente evidenzia la differenza di visualizzazione con e senza SPF impostato sul dominio mittente.

    Email ricevuta da un amico di Facebook con Autenticazione SPF

    In ogni caso le autenticazioni fanno parte delle best practice dell’e-mail marketing, quindi sono sempre da utilizzare

Queste sono le prime idee che mi sono fatto su questa nuova casella di posta, attendo come sempre i vostri commenti e le vostre esperienze in merito 🙂


4 risposte a “La nuova mailbox made in Facebook”

  1. Secondo me gli unici interessati saranno gli addetti marketing e flopperà per le utenze, a meno chè un giorno FB decida che le notifiche le potrai ricevere solo sulla sua casella 🙁 come fanno Netlog, Flickr, …

  2. faceBook si sta mangiando il web inglobandolo in sè stesso… compresi tutti i nostri dati personali. Mancava solo l’indirizzo emai! Attivatelo tutti eh, mi raccomando…

    • In realtà basta attivarla e non darla in giro come se fosse la nostra mail principale 🙂
      In ogni caso sono d’accordo che Facebook sta assumendo un ruolo troppo forte nel web e che molti dati personali al suo interno circolino senza molto controllo.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.