Email marketing e social media: perché condividere fa bene al business


In occasione del rilascio della nuova versione, MailUp tra i principali player in Italia per l’Email Marketing Professionale ripropone in chiave strategica dati e risultati dell’Osservatorio Statistiche, un approfondito studio condotto su un volume di quasi otto miliardi di messaggi inviati in un anno. I dati che emergono nella sezione Email Marketing e Social Media segnalano uno scenario in rapido sviluppo, in cui è richiesto sempre più un approccio professionale.

Se l’obiettivo dei brand resta l’individuazione di una corretta strategia per aumentare il traffico sul sito e gli utenti del proprio database, favorendo gli acquisti, colpisce la crescente consapevolezza per l’importanza dei canali social. Sempre più aziende, infatti, includono nei propri piani di comunicazione e nei propri budget azioni strategiche e tattiche sui social network. La condivisione di un’email sui social network è un sistema efficace, senza costi, per incentivare la diffusione virale del contenuto e aumentare le visualizzazioni. Chi apre un messaggio e lo condivide sui propri canali social, offre l’email a un numero potenzialmente infinito di persone.

Considerati i vantaggi della distribuzione indiretta del messaggio sui social network, il consiglio è di inserire sempre in ogni singola newsletter un link al form d’iscrizione della stessa. In questo modo, un’email condivisa può generare lettori aggiuntivi e, possibilmente, nuovi iscritti. I dati confermano l’alta potenzialità di un link social: tra le newsletter aperte, quelle con un link social raggiungono un OR del 28,7%, ben il 18% in più rispetto alle newsletter senza link social, derivante dagli OR aggiuntivi di chi clicca sul link condiviso su Facebook e Twitter.

Con un dato pari all’88% del totale, Facebook primeggia tra i social network con percentuali significative di condivisioni. Seguono a lunghissima distanza Twitter con il 5% e LinkedIn con il 2%. Tra DEM e newsletter, sono le email di natura pubblicitaria a registrare più di tre quarti del totale delle condivisioni con una percentuale nettamente superiore.

Per chi si occupa di email marketing è interessante conoscere in quale percentuale i diversi domini compongono il proprio database. Questa informazione aiuta a migliorare i propri risultati e permette di conoscere l’eventuale impatto in caso di problemi di delivery o recapito verso un singolo provider.
Una delle più recenti indagini della distribuzione dei provider di email presenta risultati molto interessanti. Cinque principali domini coprono più di tre quarti del totale degli indirizzi. Con una percentuale del 32%, Hotmail si aggiudica la fetta più consistente di utenti, seguono Libero (18%), Virgilio-Tim (13%), Tiscali (4%), Yahoo! (9%) e Gmail (6%).

Un’ultima, ma non meno interessante, considerazione è legata ai tempi di apertura delle email. In alcuni settori è determinante conoscere quando un utente legge le email. Questo aspetto è ancora più rilevante per chi svolge attività di ecommerce, per la programmazione e l’invio di remarketing, nonché per la verifica delle performance. Nell’arco di due giorni, la maggior parte delle email è aperta mentre le rimanenti aperture si registrano anche a distanza di molte settimane.
A sorpresa, i tempi di lettura non diminuiscono nonostante la diffusione del mobile. Tra le variabili che influenzano questo aspetto, la raggiunta maturità dell’utente nella gestione della casella di posta. Spesso, chi riceve molte email individua e legge prima i messaggi più importanti, conservando gli altri per una lettura successiva. A ciò si aggiunge anche l’abitudine di avere più indirizzi email per funzioni differenti: alcuni sono controllati più di frequente rispetto ad altri.

Lo studio, completo di infografiche, è disponibile sulla pagina dell’Osservatorio statistico sull’email marketing di MailUp


3 risposte a “Email marketing e social media: perché condividere fa bene al business”

  1. La conoscenza della tempistica migliore per i social network e per l’invio delle mail da sicuramente un vantaggio per la buona riuscita di un operazione di web marketing, rimane comunque fondamentale la capacità di creare contenuti testuali o grafici che riescano a coinvolgere gli utenti i quali diverranno i veri promotori dei nostri messaggi.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.