L’importanza dei contenuti e dei link nelle e-mail

Nel mese di maggio sono riuscito a convincere un cliente a modificare sostanzialmente la metodologia precedentemente utilizza per la redazione della sua newsletter.

Il cliente continuava ad inviare mail molto complesse nei contenuti, stile brochure promozionale, con un unico link al sito dell’azienda. Nell’invio di maggio ho proposto di cambiare approccio, provando ad inserire invece che un intero listino, solo degli spot con link diretti a landing page di approfondimento appositamente realizzate per ogni famiglia di prodotto con la possibilità di richiedere un preventivo.

Nella pratica la mail è stata composta con una foto di richiamo alla famiglia di prodotti, un testo breve riportante le caratteristiche principali e un link “vai all’offerta”.

Questo cambiamento di approccio ha avuto risultati notevoli in termini di miglioramento delle prestazioni con il click through aumentato di oltre 5 volte rispetto agli invii precedenti e un calo del 15% delle richieste di cancellazione rispetto alle medie precedenti.

Quello che maggiormente conta sono però le conversioni che sono cresciute di oltre il 10% rispetto ai precedenti invii.

Se da un lato è vero che aumentando il numero di link presenti in una e-mail, aumentano anche le possibilità che questi vengano cliccati e quindi che migliorino le prestazioni in termini di click through della campagna, è anche vero che un’impostazione corretta e sintentica del messaggio, accompagnata da landing page efficaci, porta sempre a risultati ottimi.

Tendo sempre a dare maggiore importanza al contenuto del messaggio più che alle landing page, perchè queste sono inutili se il messaggio non convince il destinario a cliccare sul link. Un messaggio efficace secondo me deve essere:

  • sintentico, ma esauriente nel fornire le informazioni maggiormente importanti;
  • essenziale per quanto riguarda l’aspetto grafico che non deve essere eccessivo e distrarre il destinatario;
  • interattivo, ma non troppo. Nel caso della promozione di prodotti non conviene inserire più di un link per prodotto;
  • accattivante nell’invogliare il destinatario ad approfondire le informazioni sulla landing page di riferimento.

Alessandro Binello

Nasco SEO, mi appassiono di email marketing e oggi sono project manager presso Time2marketing. Mi occupo di visibilità online e strategie di email marketing. Su social network e forum mi trovate anche con il mio nick name storico "Trimball". Nel tempo libero amo viaggiare... nel mondo reale ;)

Non ci sono commenti a questo post. Vuoi essere il primo a commentare?

Lascia il tuo commento

E tu cosa ne pensi? Lascia il tuo commento