La newsletter all’italiana

Ieri è stato presentato il logo, oggi il portale, così finalmente è partito il sito www.italia.it, un progetto per il quale sono stati stanziati 42 milioni di euro e che vuole promuovere l’Italia su internet nel mondo.

Non mi soffermo su analisi del sito e commenti di vario genere sulla struttura e sull’usabilità, voglio solo sottolineare un aspetto a me caro, la newsletter.

Già dalla home page i visitatori sono invitati ad iscriversi alla newsletter “My Italia”. Si compila l’apposito modulo e il gioco è fatto.

L’unico dettaglio è che hanno scelto il single opt-in per la gestione dell’iscrizione. Una scelta che dal mio punto di vista non è condivisibile per vari motivi già affrontati in questo post.

Adesso non mi resta che aspettare la prima email all’italiana :)

Alessandro Binello

Nasco SEO, mi appassiono di email marketing e oggi sono project manager presso Time2marketing. Mi occupo di visibilità online e strategie di email marketing. Su social network e forum mi trovate anche con il mio nick name storico "Trimball". Nel tempo libero amo viaggiare... nel mondo reale ;)

3 Commenti

Leonardo de Nardis

Chi sono11 anni ago

Ciao Alessandro,
molto interessante questo punto di vista del portele italia.it, non mi ci ero soffermato (anche perchè è un campo che non conosco). Proprio in merito a questo puoi consigliarmi cosa sarebbe meglio fare con il mio blog per strutturare l'iscrizione per la mailing list? Crazy Marketing Blog.

Magari visto che non sono pratico, una cosa semplice :-p

Rispondi

Alessandro Binello

Chi sono12 anni ago

Il tuo giudizio può essere condivisibile. Io faccio parte del mondo del web marketing e tutte le critiche che ho letto in questo periodo hanno riguardato gli aspetti legati proprio al web-marketing e alla comunicazione.

Per quanto mi riguarda, il mio blog parla di e-mail marketing e io ho analizzato solo questo aspetto, mettendo in evidenza quello che secondo me è un errore. Analizzando un argomento specifico, l'analisi non può che essere parziale.

Rispondi

Claudio Iacovelli

Chi sono12 anni ago

Seguirò con interesse il tuo blog, in questi ultimi giorni ho visto sulla rete interventi particolarmente critici verso il progetto web italia.it; il post da te pubblicato considera un aspetto decisivo nella relazione tra portale web ed utente, la comunicazione programmata attraverso un servizio di news.

Il progetto italia.it, da me giudicato in termini generali nel blog http://marketing-intelligence.blogspot.com che curo da circa un anno, rientra tra gli strumenti operativi di un complesso piano di promozione del Paese.

La sua finalità principale consiste nella pubblicità del prodotto turistico nazionale, asset fondamentale per l'economia e tra le principali opportunità di sviluppo occupazionale.

E' giusto valutare italia.it, ed il tuo punto di vista sarà utile, a mio giudizio, per costruire un processo critico il più ampio possibile, che tenga conto dei contenuti informativi e dei servizi erogati dal portale.

Troppa gente ha speso finora parole per giudicare solo alcuni aspetti, talvolta estremamente parziali: un giudizio attendibile dovrebbe considerare ANCHE gli obiettivi del piano di comunicazione, e non limitarsi alle sole leve di attuazione.

Rispondi

Lascia il tuo commento

E tu cosa ne pensi? Lascia il tuo commento