Il blocco dei contenuti esterni

Una delle innovazioni che più hanno creato difficoltà agli “e-mail marketers” di tutto il mondo è stata l’introduzione del blocco dei contenuti esterni prima nei client di posta e poi, di conseguenza, nei più diffusi servizi di posta online.

Le difficoltà che comportano questi blocchi sono essenzialmente tre:

  1. Difficoltà nel tracciare le statistiche della campagna in modo corretto in particolare per quanto riguarda le letture delle email;
  2. Difficoltà nel trasmettere messaggi di carattere emotivo ai lettori;
  3. Difficoltà nell’utilizzo di css esterni per la formattazione dei testi.

Queste difficoltà purtroppo non possono essere superate, ma si può cercare di limitarne gli effetti negativi.

Come?

In primo luogo evitando, per quanto possibile, di inserire in testa al messaggio troppe immagini o immagini troppo grandi, lasciando invece spazio ai testi e ai contenuti, che, se scritti con cura e attenzione, possono incuriosire il destinatario a proseguire nella lettura e a scaricare le immagini e i css.

Se proprio non si può evitare di inserire immagini nell’email, allora si deve procedere all’ottimizzazione del codice html. Sembrerà strano, ma è utile mutuare dalle tecniche SEO alcuni accorgimenti. In particolare è consigliabile utilizzare al meglio gli attributi alt delle immagini inserendo la descrizione dell’immagine e utilizzando un “copywrite” che attiri l’attenzione del destinatario e lo invogli a scaricare le immagini.

E’ sempre consigliabile inserire in testa (preferibilmente) o in coda all’email un link ad una versione statica dell’email inviata in modo da rendere accessibile via browser i contenuti del messaggio inviato. L’utilizzo di questo accorgimento è utile anche nel caso in cui il client di posta del destinatario non visualizzi correttamente l’email o non sia compatibile con il formato html.

In fine, come sempre nell’e-mail marketing, testare, modificare, testare, modificare, fino a quando non otterrete il risultato desiderato :D

Alessandro Binello

Nasco SEO, mi appassiono di email marketing e oggi sono project manager presso Time2marketing. Mi occupo di visibilità online e strategie di email marketing. Su social network e forum mi trovate anche con il mio nick name storico “Trimball”.
Nel tempo libero amo viaggiare… nel mondo reale ;)

Non ci sono commenti a questo post. Vuoi essere il primo a commentare?

Lascia il tuo commento

E tu cosa ne pensi? Lascia il tuo commento