Email marketing summer lessons

ovvero: come imparare stando in vacanza…

Nel mese di agosto, con le aziende chiuse e i dipendenti in vacanza, è facile imbattersi in messaggi automatici di assenza inviati dai solerti mail server. Questa pratica è molto diffusa e va tenuta in attenta considerazione quando e se si vogliono inviare newsletter e dem nei periodi di vacanza.

I fatti
Un cliente ha inviato nel mese di agosto la sua solita newsletter con la sua email aziendale senza considerare che aveva attivato la risposta automatica di chiusura estiva. Ovviamente anche molti dei destinatari avevano attivato lo stesso messaggio e così si è creato un loop di email incredibile: il destinatario rispondeva automaticamente al mittente, che rispondeva a sua volta e così via… una situazione catastrofica che in pochi minuti ha intasato la casella di posta del cliente

La soluzione
Il problema, una volta individuato, è stato di facile soluzione, è stato infatti sufficiente disabilitare l’autorespondere del cliente e il loop si fermato.

La lezione
La lezione è quella di stare attenti alle impostazioni degli autoresponder e sopratutto di utilizzare sempre un indirizzo email dedicato per l’invio delle newsletter e delle DEM (ad es. newsletter@nomeazienda.com) in modo da poter controllare al meglio i flussi di email e i ritorni ed evitare spiacevoli situazioni come quelle capitate al distratto cliente.

Alessandro Binello

Nasco SEO, mi appassiono di email marketing e oggi sono project manager presso Time2marketing. Mi occupo di visibilità online e strategie di email marketing. Su social network e forum mi trovate anche con il mio nick name storico "Trimball". Nel tempo libero amo viaggiare... nel mondo reale ;)

Non ci sono commenti a questo post. Vuoi essere il primo a commentare?

Lascia il tuo commento

E tu cosa ne pensi? Lascia il tuo commento