varie Posts

Autoresponder creativi

Avevo già affrontato in passato il tema degli autoresponder e della loro efficacia in termini di conversione all’acquisto di un contatto.

Un altro scopo perseguibile tramite gli autoresponder è quello di fidelizzare i propri contatti, magari inviando gli auguri per il compleanno o facendo seguire ad un acquisto un buono sconto per un acquisto successivo e così via.

Resta fermo che l’utilizzo principale degli autoresponder è quello che viene fatto nelle aziende per comunicare l’assenza di un dipendente o per notificare cambi nei recapiti email. E allora perchè non sfruttare questi autoresponder per promuovere la propria attività o per veicolare offerte o per promuovere l’iscrizione alla newsletter?

Un’ipotesi per sfruttare queste comunicazioni in caso di assenza dall’ufficio potrebbe essere un testo simile:

“Sarò assente dall’ufficio dal gg/mm/aa al dd/mm/yy, ma per non farti sentire la mia assenza ti ho riservato un regalo esclusivo. Per sapere di cosa si tratta clicca qui”.

A questo punto si potrebbe indirizzare il link alla pagina di un prodotto specifico o di un’offerta speciale promuovendoli in modo alternativo.

Come al solito il limite è dato solo dalla fantasia, limite che un’azienda veneta non ha avuto, realizzando questa comunicazione in “tre” lingue per informare della disattivazione di alcuni indirizzi email. Forse è stato inventato il “local email marketing”? :D

E-mail marketing… e se ne parlassimo dal vivo?

E’ una proposta che lancio a tutti quelli che hanno voglia di scambiare 4 chiacchiere di persona sull’email marketing e, più in generale, sul mondo della pubblicità su internet.

Come fare?

Con un po’ di amici/colleghi saro il 22 e il 23 settembre al Ghirada BarCamp a Treviso. Potrebbe essere un’occasione per conoscerci e scambiare qualche opinione sul mondo dell’adv on-line tra uno spritz e l’altro :)

Che faccio? Vi aspetto? ;)

Un caso di phishing inusuale

Per quanti non lo sapessero, il phishing è una attività truffaldina utilizzata per ottenere l’accesso a informazioni personali o riservate con la finalità del furto di identità mediante l’utilizzo delle comunicazioni elettroniche, soprattutto messaggi di posta elettronica fasulli o messaggi istantanei, ma anche contatti telefonici.

Grazie a questi messaggi, l’utente è ingannato e portato a rivelare dati personali, come numero di conto corrente, numero di carta di credito, codici di identificazione, ecc.

Oggi mi sono imbattuto in una cosa del tutto strana, una mail di phishing assolutamente sbagliata. Strano perchè di solito chi pone in essere queste tecniche truffaldine di solito lo fa molto bene, anzi, è proprio nell’agire bene che trovano il modo di lucrare.

La mancanza del destinatario, i vistosi errori di grammatica, la data non corretta, la codifica dei caratteri errata, la mancanza assoluta di loghi della posta sono elmenti sufficienti a far insospettire anche le persone meno esperte.

Mi piacerebbe sapere i tassi di conversione di questo messaggio :D

Lo spam, il viagra, le Iene e…il povero garante

Nell’ultima puntata delle Iene di lunedì scorso è andato in onda un servizio sullo spam in cui la Iena di turno ha provato ad eseguire un acquisto di Viagra in uno dei siti pubblicizzati da una delle tante e-mail che quotidianamente invadono la nostra casella di posta.

Il servizio lo potete vedere qui, quindi non mi dilungo nella descrizione.

La conclusione del servizio è stata davvero singolare con il consiglio di effettuare una denuncia per ogni e-mail indesiderata che arriva nella vostra casella di posta.

In questo modo, in caso di reticenza dell’azienda a sospendere gli invii o a cancellare i vostri dati, potete ricavare fino a mille euro per ogni causa.

Gli uffici del garante saranno già intasati dalle denunce? :D

Ottimo esempio di fidelizzazione peccato che…

La settima scorsa sono rimasto favorevolmente sorpreso dall’efficienza del mio CAF.

Mi è capitato di trovare nella cassetta della posta un messaggio che diceva qualcosa del tipo:

“per agevolare le persone che si sono già rivolte al nostro centro abbiamo provveduto a fissarle un appuntamento per il giorno x all’ora y per la compilazione della dichiarazione dei redditi 2006”.

Il messaggio era corredato da una lista di documenti da portare per la dichiarazione.

Ho trovato questa iniziativa oltre che molto comoda, anche molto efficace in termini di fidelizzazione: non ho dovuto fare nulla e ho già un appuntamento fissato, perchè dovrei andarmi a cercare un altro CAF?

Davvero un ottimo esempio di fidelizzazione peccato che…era una lettera cartacea e non un e-mail. Peccato davvero, avrebbero potuto essere efficaci e risparmiare anche un sacco di soldi in carta, francobolli e buste :D