statistiche Posts

Il giorno migliore per inviare una newsletter

Sul blog di GetResponse è stato pubblicato un interessante studio sui migliori giorni in cui inviare una newsletter e sui tempi di risposta e di vita di un messaggio email una volta giunto nella inbox del destinatario.

European Email Marketing Consumer Report 2011

Dopo l’anteprima dei risultati fornita in occasione di IAB 2011, Contactlab ha pubblicato i risultati completi della ricerca “European Email Marketing Consumer Report 2011“. Il report identifica e analizza il comportamento degli utenti internet di Italia, Germania, Spagna, Francia e Inghilterra rispetto all’utilizzo della posta elettronica.

Email Marketing Trends 2011

MagNews in collaborazione con Nielsen ha pubblicato “Email Marketing Trends 2011“, la ricerca che indaga i gusti e le percezioni degli utenti italiani davanti alla loro casella di posta elettronica.

La ricerca fa emergere alcuni dati interessanti che spaziano dalle modalità di consultazione, ai tempi, al tipo di caselle utilizzate. Sfogliando il report ho individuato alcuni dati, a mio avviso molto interessanti, riguardanti l’aspetto contenutistico delle newsletter che vengono inviate.

  1. Il 61% degli intervistati dichiara di cancellare le email che sono percepite come indesiderate senza nemmeno leggerle;
  2. Il mittente riveste un ruolo centrale nella scelta di lettura (42%) e risulta più importante dell’oggetto (8%);
  3. Solo la metà degli argomenti ricevuti (51%) viene giudicata interessante;
  4. Gli apparecchi mobili sono usati da circa il 30% degli utenti;
  5. Per il 38% degli intervistati è importante che le e-mail abbiano una bella grafica;
  6. Per il 30% degli intervistati le e-mail con un aspetto grafico poco curato non suscitano interesse alla lettura;
  7. Al 73% degli intervistati piacciono solo le newsletter che propongono offerte commerciali interessanti/vicine alle proprie esigenze;

Se a questi dati aggiungiamo la considerazione che la mancanza di rilevanza nei messaggi viene considerata come spam, appare chiaro come la centralità dei contenuti rivesta oggi un ruolo assolutamente fondamentale nelle strategie di email marketing.

Ho trovato la ricerca molto interessante e se siete interesati a qualche dato utile potete scaricarla qui.

E-mail marketing in Europa: finalmente qualche dato utile

E’ raro trovare dati statistici sul’utilizzo delle email in Europa, solitamente i dati e i benchmark disponibili sono sempre relativi al mercato americano e questo li rende di difficile interpretazione e utilizzo. Per questo vi segnalo con piacere che è stata pubblicata la ricerca “European E-mail Marketing Consumer Report” realizzata da ContactLab e condotta nei 5 più grandi paesi europei (Italia, Germania, Inghilterra, Francia e Spagna).

La ricerca evidenzia molti dati interessanti che riguardano le modalità di utilizzo delle caselle di posta, i device con cui vengono lette le e-mail, fino ai dati relativi all’utilizzo e alla percezione delle newsletter.

Proprio in relazione all’utilizzo delle newsletter emergono alcuni aspetti interessanti tra cui:

  • la percentuale della popolazione internet che non sottoscrive alcun servizio di informazione via e-mail è estremamente ridotta, vicina al 5%;
  • la metà degli utenti, al contrario, dichiara di essere iscritto a 7 o più newsletter. La media nell’intera utenza Internet dei 5 Paesi è pari a poco più di 7 newsletter per utente, un dato che si rileva maggiore per le donne e per le persone di età superiore ai 40 anni;
  • più di quattro casi su cinque gli utenti Internet caricano le eventuali immagini contenute nelle e-mail.

Per quanto riguarda gli argomenti delle newsletter maggiormente apprezzati:

  • Viaggi e Turismo per il 43% dell’intero campione
  • l’E-Commerce per il 38% dell’intero campione
  • l’ Informazione di attualità’ per il 37% dell’intero campione

Il campione utilizzato per la ricerca rappresenta l’utenza Internet settimanale di età
compresa tra 18 e 74 anni, residente nei cinque grandi paesi dell’Europa occidentale (144,2 milioni di individui). Il campione complessivo è composto da 4.745 casi ed è stato prodotto per quote di sesso per età (in cinque fasce) conformi alle indicazioni della Ricerca di Base utilizzata in ogni paese.

I dati complessivi della ricerca e i risultati dei singoli paesi sono scaricabili gratuitamente a questo indirizzo. Buona lettura :)